Gianfranco Ravasi, Spiritualità e Bibbia , Queriniana, 2018, p. 260

Natale Benazzi, Fatima. L’infinito segreto. Una nuova lettura delle profezie e dei segreti mariani, Città Nuova, 2017, p. 182
15 maggio 2018
Orario temporaneo di apertura della biblioteca diocesana
26 settembre 2018

L’itinerario qui proposto percorre sostanzialmente due traiettorie. Dopo aver offerto la chiave simbolica per entrare nell’orizzonte spirituale delle Sacre Scritture, ricco di iridescenze tematiche, Ravasi procede innanzitutto a uno spoglio integrale dei due Testamenti nel loro ordine canonico. Qui si rendono necessarie alcune soste specifiche affrontando testi capitali come i profeti, i salmi, Giobbe, il Cantico, le beatitudini – veri e propri sentieri d’altura della spiritualità biblica.

L’altro percorso seguito è più panoramico: Ravasi delinea una mappa sintetica della spiritualità delle Scritture, così da comporre un messaggio teologico unitario, basato sulla categoria di “conoscenza” nella sua vasta molteplicità semantica biblica.

Questi due movimenti, accompagnati da una costellazione di temi aggregati – come lo Spirito santo, la povertà, la lectio divina o la spiritualità della sofferenza – delineano alla fine non solo una guida alla mistica, ma anche un’essenziale sintesi della teologia biblica. Lì fin dall’origine lo spirituale è esperienza affettiva ma non irrazionale, interiore ma non astratta; è esperienza incorporea ma anche “carnale”, è mistero ma anche epifania; è silenzio ma non afasia.